Valli Zabban presenta una linea che separa passato e futuro